Motorsport Tutte le discussioni sugli sport automobilistici

Rispondi
 
LinkBack Strumenti Discussione
  #496  
Vecchio 22-03-2010, 19:52
Utente esperto
Data Registrazione: Feb 2010
Località: 1 km da Maranello
Messaggi: 3.800
Predefinito

La F1 non è una scuola ma un traguardo che dovrebbe essere riservato ai migliori fra i più bravi, comprimari inclusi.
La F1 è prevalentemente mezzo, nel senso che la tecnica è talmente sofisticata che il miglior pilota non ha mai potuto ne mai potrà rendere competitiva una vettura telaisticamente o motoristicamente troppo inferiore.
La F1 recente è composta da un buon numero di fuoriclasse ma purtroppo, fra i comprimari, stanno piloti che non dovrebbero neppure essere in F1, che sono li, quasi sempre per ragioni di denaro.
Non è tanto un fatto di età anagrafica quanto di maturità agonistica.

Citazione:
Originariamente Scritto da pilota Visualizza Messaggio
Allora veramente i piloti di oggi non sanno guidare come dicono parecchi osservatori?
Rispondi Con Citazione
  #497  
Vecchio 23-03-2010, 11:06
Utente esperto
Data Registrazione: Feb 2010
Località: 1 km da Maranello
Messaggi: 3.800
Predefinito

La Bridgestone, attraverso la sua sede inglese, conferma di non aver alcuna intenzione di continuare a fornire pneumatici per la F1.
Ecclestone dice che è dispiaciuto ma che non sarà un problema trovare un'altro fornitore...
Todt suppone che la Bridgestone potrebbe aver deciso di uscire dalla F1 perchè non c'è attenzione per l'ecologia, l'ambiente ed il clima.
...comincio a dubitare che l'età senile sia una brutta malattia.
Rispondi Con Citazione
  #498  
Vecchio 23-03-2010, 11:24
L'avatar di RSS
RSS RSS è offline
Utente apprendista
Data Registrazione: Dec 2009
Messaggi: 193
Predefinito

Io vorrei i circuiti storici, per esempio non capisco come possa mancare Spa-Francorchamps ad esempio, così come non capisco perché sia uscito Montreal. Anzi, un'idea ce l'ho ed è legata al denaro ma sportivamente non me la spiego.
Rispondi Con Citazione
  #499  
Vecchio 23-03-2010, 11:26
L'avatar di RSS
RSS RSS è offline
Utente apprendista
Data Registrazione: Dec 2009
Messaggi: 193
Predefinito

Forse però lui intendeva dire che i piloti non sanno guidare un'auto di questo livello, cosa che tanti dicono e che anche io credo: molti di questi piloti attuali vanno forte solo grazie agli aiuti che hanno, ma sanno realmente gestire tutti i cavalli e la coppia che queste auto mettono a terra? Quando piove, per i motivi spiegati prima, ghli aiuti vengono meno e infatti si vedono sbagli assurdi da parte di alcuni.
Rispondi Con Citazione
  #500  
Vecchio 23-03-2010, 11:39
Utente esperto
Data Registrazione: Feb 2010
Località: 1 km da Maranello
Messaggi: 3.800
Predefinito

Infatti, sono così tanti gli autodromi storicamente e tecnicamente validi che andare a correre con la F1 su strade dove passano i tram o su "moderni" circuiti monotoni, in capo al mondo e senza pubblico, non ha molto senso.
Rispondi Con Citazione
  #501  
Vecchio 23-03-2010, 12:56
Utente storico
Data Registrazione: Dec 2009
Località: Bologna
Messaggi: 13.952
Predefinito

Quando piove gli errori li hanno sempre fatti tutti, anche i cosiddetti maghi della pioggia... è fisiologico.
Rispondi Con Citazione
  #502  
Vecchio 23-03-2010, 13:11
Utente storico
Data Registrazione: Dec 2009
Località: Bologna
Messaggi: 13.952
Predefinito

Citazione:
Originariamente Scritto da RSS Visualizza Messaggio
Io vorrei i circuiti storici, per esempio non capisco come possa mancare Spa-Francorchamps ad esempio, così come non capisco perché sia uscito Montreal. Anzi, un'idea ce l'ho ed è legata al denaro ma sportivamente non me la spiego.
Ma ci sono entrambi
Montreal 13 giugno
Spa 29 agosto
Sono mancati alcuni anni per il mancato rinnovo del contratto o per problemi legati alla pubblicità del tabacco.
Spa è in assoluto la più bella pista del mondiale F1, pista che però può esistere solo in Belgio, dove per le corse hanno una mentalità tutta particolare.
La esse del Raidillon Eau Rouge è tuttora, nonostante le variazioni nel corso degli anni, una curva da "vero pelo sullo stomaco", ma è e resta pericolosissima.
Per quanto riguarda Montreal, è una pista simpatica, un cittadino atipico come Melbourne, ma... ci fermiamo qui; tecnicamente non dice molto, frenate e accelerazioni.
Fotograficamente mi piaceva, ma spesso quanta disorganizzazione.
Rispondi Con Citazione
  #503  
Vecchio 23-03-2010, 16:20
L'avatar di pilota
Utente apprendista
Data Registrazione: Nov 2009
Messaggi: 351
Predefinito

Citazione:
Originariamente Scritto da RSS Visualizza Messaggio
Forse però lui intendeva dire che i piloti non sanno guidare un'auto di questo livello, cosa che tanti dicono e che anche io credo: molti di questi piloti attuali vanno forte solo grazie agli aiuti che hanno, ma sanno realmente gestire tutti i cavalli e la coppia che queste auto mettono a terra? Quando piove, per i motivi spiegati prima, ghli aiuti vengono meno e infatti si vedono sbagli assurdi da parte di alcuni.
Esatto, io intendevo dire che le nuove generazioni di piloti mi sembrano meno bravi di quelli di una volta. Non mi direte che guidar euna monoposto 20 anni fa era come guidare una di ora, prima non c'era tutta questa aerodinamica, non c'era l'elettronica, c'erano i cambi manuali e chi andava forte ci andava perché veramente sapeva portare al limite la vettura. Ora non dico che i piloti non sanno guidare (non avrebbe senso dire questo, è chiaro che sono persone più abili della media quando guidano) ma che non sanno guidare più come una volta.

A chi dice che gli errori sul bagnato ci sono sempre stati dico che è esatto, ma se ne vedono tanti e assurdi in certi casi, segno che molti non sono in grado di controllare la potenza delle loro vetture quando l'elettronica va in difficolta. Per questa mi chiedo cosa combinerebbero i vari piloti giovani a bordo di una monoposto di diversi anni fa, sarebbero in grado di staccare i tempi che facevano quei piloti di allora o no?
Rispondi Con Citazione
  #504  
Vecchio 23-03-2010, 16:57
Utente storico
Data Registrazione: Dec 2009
Località: Bologna
Messaggi: 13.952
Predefinito

Citazione:
Originariamente Scritto da pilota Visualizza Messaggio
Per questa mi chiedo cosa combinerebbero i vari piloti giovani a bordo di una monoposto di diversi anni fa, sarebbero in grado di staccare i tempi che facevano quei piloti di allora o no?
Domanda sempre fatta anche nel passato e che resterà ovviamente senza risposta.
Ognuno corre con le auto e le tecnologie del suo tempo.
Vero che i piloti di 20, 30 anni fa o meglio anche di più correvano in situaziioni diverse, ma è anche vero che ora tutti, per il livello di sicurezza raggiunto, vanno al limite e oltre, tanto il pericolo è minimo.
ricordo, a costo di annoiare, quanto diceva Fangio nei suoi ultimi anni: "io ero il pilota che andava più forte tra quelli che andavano piano...altrimenti sarei morto"
il modo di correre ora e 30 anni fa (per fare un esempio) è completamente diverso e non si può paragonare.
Rispondi Con Citazione
  #505  
Vecchio 23-03-2010, 22:23
L'avatar di Rosssiiii
Utente esperto
Data Registrazione: Feb 2010
Messaggi: 4.613
Predefinito

Spa the best 4ever
Rispondi Con Citazione
  #506  
Vecchio 24-03-2010, 02:10
Utente esperto
Data Registrazione: Feb 2010
Località: 1 km da Maranello
Messaggi: 3.800
Predefinito

Più si va a ritroso nel tempo e più pelo sullo stomaco ci voleva per tenere giù il piede. Tutto il resto, sono soltanto ipotesi che nessuno potrà mai verificare.
Rispondi Con Citazione
  #507  
Vecchio 24-03-2010, 10:30
L'avatar di pilota
Utente apprendista
Data Registrazione: Nov 2009
Messaggi: 351
Predefinito

Ragazzi io non voglio insistere perchè ognuno è libero di pensare come vuole (ci mancherebbe) però non si sta dicendo che si vogliono paragonare i vecchi piloti con i nuovi, si sta dicendo che la nuova generazione è probabilmente più aiutata alla guida di quanto non fosse prima. Se prima il pilota contava per il 60% ora credo che conti si e no il 30% e questo fa la differenza a mio modo di capire. Poi chiaro che ognuno è figlio della sua epoca e le cose non si possono paragonare, ma se si valuta il pilotaggio come un'arte quanti dei piloti di adesso possiedono capacità di controllo, di percepire il limite e di grande sensibilità com'è giusto richiedere ad un pilota?
Rispondi Con Citazione
  #508  
Vecchio 24-03-2010, 10:54
Utente storico
Data Registrazione: Dec 2009
Località: Bologna
Messaggi: 13.952
Predefinito

Appunto, stiamo esprimendo i nosrri pareri, e, ovviamente, ognuno è libero di avere le proprie idee.
A mio modo di vedere il tuo pensiero non potrà avere risposte concrete, perché... non possono esserci.
In molti campi della vita, ma nello sport in particolare, e quindi non solo nei motori, le persone (i campioni) possono essere confrontate solo con coloro con cui si cimentano in quel periodo.
Tu dici che oggi è più "facile" pilotare, che pochi possiedono capacità di controllo; io dico che è diverso; forse, ma non può esistere la controprova, grandi piloti del passato con le vetture di oggi con avrebbero reso allo stesso modo e viceversa.
Non offenderti , ma il tuo quesito... è vecchio quanto me; non ha mai avuto risposta e mai l'avrà.
Con questo non dico che questa discussione sia inutile, anzi tutt'altro, perché può portare a leggere interessanti e diverse opinioni.
Rispondi Con Citazione
  #509  
Vecchio 24-03-2010, 14:06
L'avatar di pilota
Utente apprendista
Data Registrazione: Nov 2009
Messaggi: 351
Predefinito

Chi si offende, anzi è un piacere discutere con voi che ne capite veramente!
Rispondi Con Citazione
  #510  
Vecchio 24-03-2010, 21:00
Utente esperto
Data Registrazione: Feb 2010
Località: 1 km da Maranello
Messaggi: 3.800
Predefinito

Le F1 moderne sono sostanzialmente sicure, nulla a che vedere con quelle del passato
So che Montani non sarà troppo d'accordo, ma il pilota non ha mai fatto diventare vincenti auto che non lo erano, nemmeno negli anni 20. Del resto, non si corre a piedi.

Detto questo, la differenza più rilevante fra un pilota e l'altro non era dovuta alla capacità di guida, ma alla quantità di pelo sullo stomaco.
Correre con gli alberi a fianco, sperando che la balle di paglia attutissero un urto e che in un incidente non vi fosse fuoco, è diverso che farlo con le auto odierne e sui circuiti attuali.
Credo che un Piquet, un Mansell, un Senna ed uno Schumacher, giusto per nominare i più moderni col "pelo" (giudizio personale), potevano tranquillamente primeggiare anche negli anni 60 e 70. Il problema è che forse ce li saremmo persi per strada prematuramente in qualche incidente.


Citazione:
Originariamente Scritto da pilota Visualizza Messaggio
Ragazzi io non voglio insistere perchè ognuno è libero di pensare come vuole (ci mancherebbe) però non si sta dicendo che si vogliono paragonare i vecchi piloti con i nuovi, si sta dicendo che la nuova generazione è probabilmente più aiutata alla guida di quanto non fosse prima. Se prima il pilota contava per il 60% ora credo che conti si e no il 30% e questo fa la differenza a mio modo di capire. Poi chiaro che ognuno è figlio della sua epoca e le cose non si possono paragonare, ma se si valuta il pilotaggio come un'arte quanti dei piloti di adesso possiedono capacità di controllo, di percepire il limite e di grande sensibilità com'è giusto richiedere ad un pilota?
Rispondi Con Citazione
Rispondi

Strumenti Discussione

Regole di Scrittura
Tu non puoi inviare nuove discussioni
Tu non puoi inviare risposte
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice BB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Trackbacks are Attivato
Pingbacks are Attivato
Refbacks are Attivato

Vai al Forum


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 02:07.